AZZURRO, concerto d’amore

AZZURRO, concerto d’amore
0 28 Novembre 2017

Con immenso piacere e commozione, COP Onlus invita tutti ad un concerto strepitoso nel ricordo dell’amico Massimo, o meglio “Azzurro” come lo chiavano i suoi amici d’infanzia, un artista straordinario, legato ai bambini, soprattutto a quelli in difficoltà. Per questo come avrebbe voluto lui, il ricavato del concerto sarà devoluto all’Associazione Coccinelle per l’Oncologia Pediatrica Onlus e Fondazione Gene per la Neurochirurgia Infantile Onlus operanti al Policlinico Gemelli in favore dei bambini ricoverati e le loro famiglie.

…E allora che questo evento musicale imperdibile sia AZZURRO, proprio come Massimo!

Wishlist, Roma, 17 dicembre alle ore 20.30

Ecco un breve ricordo di Massimo, scomparso di recente, e delle sue collaborazioni con musicisti eccezionali che con “Azzurro” lo celebrano con questo concerto che si preannuncia memorabile.

Massimo Di Loreto è un artista che dopo avere militato nell’ala “estrema” della scena romana (Fando & Lis, Gronge) frequenta i territori del rock improvvisato con i Ludo, poi si trasferisce in Australia per approfondire l’uso di strumenti inusuali e le tecniche di musicoterapia e al suo ritorno in Italia collabora con Marco Testoni e Hang Camera featuring Billy Cobham. Con Nicola Alesini e Cecilia Silveri fonda i Pollock Project, esperimento di art music, e nel 2014 in quartetto realizza Jetsèmani – Come la terra che calpestate, album in cui una profonda spiritualità si mescola alla ricerca sonora in chiave world e ambient. Il suo ultimo disco, Ossigeno, con Nicola Alesini è un lavoro che alterna improvvisazioni a un grande spessore narrativo, e dove convivono con amore, ardore e passione spunti jazz e citazioni etniche. Sempre dalla parte dei più fragili del mondo, che ha narrato attraverso suoni sofisticati ed elegantissimi,   Massimiliano Di Loreto ha suonato e collaborato con artisti di calibro internazionale: da Michele Ascolese (chitarrista di Fabrizio De André) che ha dato la sua adesione al concerto del 17 dicembre alle grandi band del rock australiano. Fino a stringere un rapporto di assoluta sintonia e amicizia con Nicola Alesini, che è stato – a volte – il suo specchio.

Ossigeno è un disco bello e importante, realmente indipendente.  Come scrive il giornalista Claudio Moriconi: “Un lavoro totalmente basato sull’improvvisazione ma ancorato a solide basi musicali, il linguaggio espressivo del duo è una mistura nella quale confluiscono esperienze ed influenze solidificate nel tempo, evaporate qui in un’atmosfera avvolgente, sinuosa, per larghi tratti ipnotica eppure affatto straniante. Merito dell’approccio “aperto” o frutto di incastri imprevedibili, esempio di “possibile music” o vittoria dell’equilibrio umano, Ossigeno coinvolge per l’assoluta sincerità di base, punto di partenza da dove Di Loreto e Alesini procedono per sintesi verso l’ignoto”.

Posted in blog